Le associazioni che ci hanno scelto

Le Associazioni che lavorano con noi operano prevalentemente negli ambiti della Sanità e disabilità, della Cooperazione e solidarietà sociale, dell’Assistenza sociale, della Povertà e Integrazione.
Le forme giuridiche di queste Associazioni sono le più diverse e vanno dalle Cooperative sociali alle Associazioni di Promozione Sociale, alle Organizzazioni di Volontariato, alle Fondazioni di Genitori con familiari disabili o colpiti da malattie genetiche o rare.
Altrettanto diversificati sono i progetti che abbiamo avviato con loro.
 
Scopri qui tutte le associazioni che ci hanno scelto.
  • Fai parte di un'organizzazione no profit?
  • Vuoi lavorare con noi?

Aree di intervento dei nostri progetti

Ambito operativo delle nostre Associazioni

Alcune storie di successo di ManagerNoProfit

ABIO Milano centrato

ABIO Milano Onlus

Un anno e mezzo di lavoro comune tra ManagerNoProfit e ABIO Milano – Associazione per Il Bambino in Ospedale ha generato un’efficace operazione di co-marketing coinvolgendo aziende che potessero avere interesse a finanziare, per un anno, la realizzazione del kit ABIO di benvenuto per i bambini ricoverati in un ospedale milanese utilizzando nella loro comunicazione questa attività benefica.

ABIO Milano è un’associazione fondata a Milano nel 1978 che si occupa di offrire sostegno ai bambini ricoverati in ospedale ed alle loro famiglie così da rendere il meno traumatica possibile l’esperienza del ricovero; è presente in 30 reparti pediatrici e si avvale per lo svolgimento della propria attività di circa 600 volontari. “Ci prendiamo cura dei bambini in ospedale” è il claim dell’Associazione che ne riassume l’attività.

Per iniziare il rapporto con i bambini ricoverati e i loro genitori superando le iniziali titubanze, ABIO Milano da alcuni anni – partendo dal presidio nei reparti pediatrici dell’Ospedale Niguarda – offre al primo contatto con i bambini ricoverati un kit di benvenuto. Contenuto in una borsa shopper di tela, si compone di informazioni, in un linguaggio e con modalità adatte ai bambini, sull’ospedale e su qual è il significato del ricovero (“che ci faccio in ospedale?”), di informazioni per i genitori sull’ospedale e su come prevenire i rischi per i bambini nella vita domestica, e di un gioco per i bambini.

Il team di ManagerNoProfit che ha condotto il progetto con ABIO Milano ha utilizzato sia gli strumenti del direct marketing classico per selezionare le aziende da contattare attraverso banche dati di settori merceologici ritenuti a più alto potenziale, sia il networking rappresentato da informazioni e presentazioni attivate da volontari per contatti privilegiati con aziende conosciute.

In sintesi, la collaborazione tra ManagerNoProfit e ABIO Milano ha portato a mettere a punto una metodologia di lavoro efficace, a finanziare la distribuzione del kit in un grande ospedale milanese, a trovare donazioni di oggetti per la realizzazione del kit da parte delle aziende che non avevano budget per un finanziamento in denaro.

Mostra di più
ManagerNoProfit e ABIO Milano
ManagerNoProfit e Gaia Coop
Gaia centrato

Gaia Coop

Diversificazione del portafoglio clienti, revisione dei processi produttivi e organizzazione dei flussi operativi, impulso alla collaborazione con un’altra cooperativa. Ecco le principali aree di lavoro avviate negli ultimi anni tra ManagerNoProfit e la Cooperativa sociale Gaia Coop.

Nata nel 2006, a Novate Milanese la Cooperativa progetta e produce cablaggi per quadri elettrici di comando e controllo con la missione di ottenere, tramite la gestione in forma associata dell’impresa, continuità dell’occupazione e migliori condizioni economiche, sociali e professionali, per i lavoratori, in particolare per i lavoratori svantaggiati.

All’inizio della collaborazione con ManagerNoProfit il fatturato della cooperativa dipendeva quasi completamente da un unico cliente, legato al mercato degli ascensori. Oggi la dipendenza da questo cliente si è ridotta a meno della metà, con numerosi clienti nuovi e una produzione diversificata su nuovi segmenti di mercato. Il risultato è stato ottenuto attraverso la ricerca di nuovi sbocchi di mercato, ma anche grazie a un costante lavoro congiunto per migliorare il processo produttivo e le competenze tecniche, innalzare la qualità dei prodotti e ridurre i tempi di esecuzione in modo da rispondere al meglio alle aspettative dei nuovi clienti.

Nella collaborazione con la Cooperativa è nata la necessità di sviluppare sinergie operative con altre realtà del settore per aumentare la dimensione produttiva e beneficiare di maggiori economie di scala. Gradualmente questo comportamento si sta concretizzando con un’altra Cooperativa sociale che opera nello stesso settore dei cablaggi. Partiti con il supporto commerciale, la stesura di preventivi e offerte, l’acquisto dei materiali per usufruire entrambe di maggiori sconti unitari, si è ora nella fase in cui è diventato esecutivo un accordo commerciale per lo scambio di quote di lavoro per contrastare, reciprocamente, picchi di produzione in determinati periodi dell’anno.

Tutte queste azioni, insieme a una più efficace gestione del magazzino, hanno portato anche a un miglior equilibrio economico-finanziario della Cooperativa creando le condizioni per una maggior stabilità di impiego dei lavoratori.

Mostra di più
Vivi Down centrato

Vivi Down

La storia della collaborazione di ManagerNoProfit con l’Associazione Vivi Down dura ormai da anni, è molto estesa ed è fondata sull’impegno reciproco a migliorare l’operatività quotidiana di chi, come Vivi Down, si è posto l’obiettivo di “promuovere una cultura che incoraggi e sostenga lo sviluppo della qualità della vita delle persone con la sindrome di Down e delle loro famiglie”.

Vivi Down, Associazione Italiana per la Ricerca Scientifica e la Tutela della Persona con sindrome di Down, nasce nel 1988 grazie allo slancio ed alla passione di un gruppo di genitori, sviluppandosi intorno alle necessità comuni delle famiglie di persone con sindrome di Down. L’associazione ha 540 soci e 465 persone con sindrome di Down e coinvolge chi vive, ogni giorno, le problematiche educative, sociali e sanitarie legate alla sindrome e che hanno deciso di condividere le loro esperienze, impegnandosi ad aiutarsi, concretamente, per individuare le soluzioni migliori per la loro vita e quella dei propri figli.

La collaborazione tra ManagerNoProfit e Vivi Down nasce e si sviluppa a partire dalla fine del 2016 con un primo contributo di due soci di ManagerNoProfit che hanno iniziato a cooperare con Vivi Down mettendo in campo energie e competenze integrandosi nei team di lavoro costituiti per realizzare due progetti lunghi e complessi: la revisione della metodologia contabile, amministrativa e di controllo gestionale, e l’automazione della gestione operativa dell’Associazione, spaziando dalla gestione anagrafica di soci, assistiti, medici e strutture convenzionate, a temi più specifici e complessi come la raccolta di contributi da donatori, la programmazione di campagne per la raccolta di fondi, la tenuta dell’agenda per organizzare gli incontri tra gli assistiti e i medici, le strutture convenzionate e gli ospedali.

Il progetto di revisione amministrativa è stato condotto da un manager con esperienza pluriennale nel settore al vertice di aziende di primaria importanza nazionale, e sarà reso completamente operativo per la chiusura del bilancio 2019 e l’elaborazione del budget 2020.

Il secondo progetto ha portato all’inserimento di una piattaforma di Customer Relationship Management acquisita a costo zero grazie al programma rivolto alle organizzazioni non profit di Salesforce, leader mondiale di software CRM, con cui collabora anche ManagerNoProfit. In questo caso la partecipazione di ManagerNoProfit è stata assicurata da un manager con una lunga esperienza nel settore dell’Information Technology che ha guidato il gruppo di lavoro interno e lo specialista volontario del fornitore nella definizione delle modalità di lavoro, nella migrazione dei dati dal vecchio sistema, nelle prove di funzionalità e nei controlli necessari dopo la messa in funzione operativa. Successivamente ha impostato la personalizzazione del nuovo sistema sulle esigenze specifiche dell’Associazione, andando a risolvere, in modo automatizzato e con un significativo aumento di efficienza ed efficacia, sia le attività operative giornaliere, sia le tematiche legate alla partecipazione a progetti di fundraising ed all’effettuazione di campagne, online e offline, per la sensibilizzazione sulle problematiche dei Down o per la raccolta fondi.

Negli ultimi mesi si è aggiunta al team di ManagerNoProfit che collabora con Vivi Down una socia che ha maturato una grande esperienza nella gestione e nell’organizzazione del personale, e che ha cominciato ad affiancare l’Associazione per affrontare problematiche legate al funzionamento dell’organizzazione interna. Ne è nata la mappatura delle attività, dei ruoli, delle funzioni di dipendenti, volontari e collaboratori medici, e numerose idee e suggerimenti per il Consiglio Direttivo per meglio regolare i rapporti tra le persone che operano in e per Vivi Down.

Il team di ManagerNoProfit può poi sempre contare sulla disponibilità e sul coinvolgimento di competenze specialistiche che di volta in volta possono intervenire su argomenti molto particolari e specifici, come ad esempio è avvenuto con l’esperto in materie giuridiche per la revisione dello Statuto a seguito della nuova Legge del terzo settore.

La vasta e diversificata collaborazione di ManagerNoProfit con Vivi Down continua a generare proposte di lavoro e progetti ambiziosi per lo sviluppo dell’attività dell’Associazione. Ne sono esempio, la mappatura e la creazione di relazioni in rete con altre associazioni che si occupano a vario titolo delle problematiche dei Down con l’obiettivo di scambiare le esperienze, ma soprattutto di orientare le esigenze dei Down verso l’Associazione che di volta in volta ha le specifiche competenze; l’analisi delle capacità dei singoli, ragazzi o adulti, per indirizzarli verso potenziali esperienze di lavoro, insieme con la ricerca di possibilità di impiego in aziende o enti disponibili all’assunzione; l’avvicinamento di ragazzi e adulti assistiti alle attività teatrali sostenuti da esperti di teatro disponibili a offrirsi per tutoraggio ed affiancamento nell’indirizzarli verso questa attività artistica.

Mostra di più
ManagerNoProfit e Vivi Down

Cooperativa Sociale La Ringhiera

E’ nell’Aprile 2018 che la Cooperativa La Ringhiera (una cooperativa sociale di tipo B nata nel 1986 per promuovere un’economia sociale, l’inclusione lavorativa di persone svantaggiate e soprattutto la sostenibilità ambientale) ha deciso di avviare un processo di completa ristrutturazione della sua governance e della sua struttura operativa.

Un gruppo di lavoro di ManagerNoProfit ha affiancato la Cooperativa in questa svolta, contribuendo alla realizzazione di alcuni progetti e fornendo le sue competenze per ridefinire i processi decisionali della Cooperativa a seguito del rinnovamento del CdA e delle deleghe operative, per effettuare una diligence economica, finanziaria e reddituale delle singole aree di attività e delineare la struttura dei costi e i potenziali margini di miglioramento, per la stesura di contratti di servizio e la partecipazione a bandi di gara. In questo contesto la Cooperativa, con l’assistenza di ManagerNoProfit, ha partecipato e vinto un bando europeo per la fornitura di servizi di gestione delle piazzole ecologiche.

Le competenze diversificate e multifunzionali messe in campo da ManagerNoProfit hanno sostenuto la Cooperativa anche nella definizione di un sistema per la gestione delle interazioni e delle comunicazioni fra stazione appaltante ed appaltatore nell’ambito del servizio di gestione delle isole ecologiche attraverso una applicazione informatica in cloud, e nell’analisi del settore automazione per finalizzare i servizi di questa area. Con l’assistenza di ManagerNoProfit la Cooperativa ha proceduto all’alienazione dei prodotti non più di interesse strategico e ha finalizzato rapporti commerciali con partner industriali complementari al suo business.

L’ampia collaborazione tra ManagerNoProfit e La Ringhiera per il successo di questo progetto ha generato ricadute positive in termini di rafforzamento del core business della Cooperativa, sia per quanto riguarda la fornitura di consulenza per la gestione di servizi ambientali a Enti Pubblici, Imprese e Cooperative, sia in generale per aprire spazi di nuove collaborazioni con istituti scolastici per lo sviluppo con docenti e studenti di progetti di sensibilizzazione ambientale, con attenzione speciale all’impiego di nuove tecnologie e delle energie rinnovabili.

Mostra di più
OCF centrato

Opera Cardinal Ferrari

L’Opera Cardinal Ferrari Onlus è una delle più antiche istituzioni di aiuto di Milano. E’ un grande centro diurno che accoglie ogni giorno più di 200 tra donne e uomini che soffrono di un grave stato di emarginazione sociale (senza dimora, senza reddito, anziani soli, ecc) ed a cui viene offerto cibo, abiti ed attività sociali e ricreative.

L’Opera Cardinal Ferrari Onlus è anche “Domus Hospitalis”, un luogo di ospitalità a basso costo, che offre 16 unità abitative destinate in primo luogo a parenti di degenti in ospedali milanesi che vengono da fuori città e vogliono stare vicino ai loro cari.

Il gruppo di lavoro ManagerNoProfit lavora in Opera Cardinal Ferrari sui seguenti fronti :

Consulenza generale di comunicazione.
Progetto – giornale, nato dalla necessità di comunicare in modo più ampio ed incisivo con i suoi donatori, circa ottomila, passando da un foglio informativo ad un vero e proprio organo di informazione. E’ stato ideato un giornale trimestrale di otto pagine, individuato un direttore responsabile e incaricato un grafico che ha proposto format e grafica. Il lancio è stato pianificato per l’autunno 2016.
Organizzazione, gestione e comunicazione relative alla nuova Domus Hospitalis.

Mostra di più
Oklahoma centrato

Oklahoma

La storia della collaborazione tra ManagerNoProfit e la Comunità Oklahoma è nata nell’aprile del 2016 quando ManagerNoProfit venne invitata a fare un check–up sui bisogni complessivi della struttura e si è successivamente allargata sulla base di una relazione di fiducia e condivisione degli obiettivi sociali della Comunità, con l’apporto di diverse competenze, fino a comporre una “squadra” di quattro soci coinvolti.

Da più di trent’anni la missione della Comunità Oklahoma Onlus al Gratosoglio, periferia sud di Milano, è quella di accogliere ragazzi minorenni in difficoltà ed aiutarli a diventare grandi. La Comunità assiste anche minori che hanno difficoltà in famiglia oppure sono affidati dal Tribunale dei minori ai Servizi Sociali che li colloca in comunità tutelate. I ragazzi di Oklahoma vivono insieme secondo i valori dell’accoglienza, dell’educazione e dell’autonomia, affrontando un percorso di vita nella residenza protetta che spesso si conclude con l’inserimento nel mondo del lavoro grazie a speciali borse – lavoro.

In questo contesto il primo atto dei professionisti di ManagerNoProfit fu di suggerire (e poi collaborare a rendere operativo) il ripensamento dell’organizzazione, suddividendo in due aree le attività della Comunità per dare efficienza al lavoro di chi propone ai giovani scuola, sport, programmi culturali, formazione al lavoro.

Subito dopo venne la richiesta di procedere a un piano di riassestamento delle procedure amministrative, che è stato realizzato con l’intervento di un altro manager con esperienza di lungo corso in aziende multinazionali nell’amministrazione e nel controllo di gestione, e che ha portato alla revisione della funzione contabile ed all’introduzione di reportistica periodica per il controllo e la pianificazione economica e finanziaria.

Successivamente, la sintonia umana e la partecipazione professionale nata tra amministratori, operatori della Comunità del Gratosoglio e soci di ManagerNoProfit hanno creato le condizioni per il contributo di un altro manager italiano che, andato in pensione dopo un lungo periodo di lavoro in una azienda austriaca come direttore commerciale e con l’hobby della buona tavola, si è proposto ed è stato accettato come cuoco e formatore di cuochi.

Il successo è stato immediato: alcuni apprendisti hanno trovato lavoro nelle cucine di ristoranti milanesi e la mensa della Onlus, anche per l’abilità del cuoco–manager, si è avviata a diventare un vero e proprio ristorante interno, che a maggio 2019 ha ospitato anche una quarantina di ufficiali degli alpini arrivati a Milano per la celebrazione del Centenario del Corpo e finiti con le gambe sotto i tavoli da pranzo, assistiti dai ragazzi della Comunità che oltre a imparare l’arte della cucina stanno facendo esperienza di servizio ai tavoli.

Il quarto manager che offre le sue competenze alla Comunità Oklahoma è un ex responsabile delle risorse umane e relazioni industriali di una media azienda italiana, che si è proposto come insegnante di italiano per i ragazzi stranieri aiutandoli ad apprendere, rapidamente, la nostra lingua, passaggio fondamentale per la loro integrazione.

La collaborazione tra ManagerNoProfit e la Comunità Oklahoma, che nel frattempo si è arricchita di nuovo personale anche su indicazione di ManagerNoProfit, prosegue oggi con grande continuità, reciproca soddisfazione e intatto entusiasmo, ed è la migliore testimonianza che ManagerNoProfit tra le sue caratteristiche di offerta senza compenso alle associazioni ha anche quella di fornire competenze di alto profilo disponibili a fare cose diverse o in maniera diversa rispetto all’esperienza aziendale passata.

Mostra di più
Tempo Infanzia centrato

Coop. Tempo per l'Infanzia

E’ cresciuta nel tempo, con esiti positivi, l’attività di collaborazione, in particolare sul fronte delle iniziative di comunicazione, tra ManagerNoProfit e la Cooperativa Tempo per l’Infanzia, Cooperativa Sociale Onlus che opera dal 1980 e dispone di due strutture socio-educative per ragazzi a rischio nel Municipio 2, a Milano, all’interno del complesso di edilizia comunale ex Fondazione Crespi Morbio, un Centro Diurno Educativo per Minori e un Centro di Aggregazione Giovanile.

Tempo per l’Infanzia è un modello e un punto di riferimento nel campo del disagio e della promozione del benessere dei minori, delle famiglie e delle comunità locali con le sue iniziative di servizi socio-educativi per minori, di sostegno alla genitorialità, di formazione per operatori sociali e insegnanti, e con gli interventi nell’educazione ambientale, nello sport, nel settore della povertà infantile.

L’avvio del lavoro comune è avvenuto nel 2016, partendo dall’intervento di alcuni soci di MNoP che hanno messo a disposizione di Tempo per l’Infanzia le proprie competenze prima per una consulenza di gestione e controllo amministrativo e successivamente per la definizione della governance (su chiamata del Comune di Milano, Assessorato all’Educazione) per il completamento del progetto Fattoria Didattica della Casa del Sole nel Parco Trotter. Operazione completata con successo poiché la struttura oggi è a disposizione dei cittadini su un’area ambientale ed agricola dove bambini e adulti possono sperimentare il rapporto con animali e piante, conoscere l’importanza delle stagioni e dei cicli vitali.

Altri interventi che hanno visto i soci di ManagerNoProfit accanto agli operatori di Tempo per l’Infanzia hanno riguardato una consulenza di comunicazione e crowdfunding, il progetto Abbaiami una storia, che è stata prestata per lo sviluppo del servizio di Pet-Therapy (interventi che riguardano bimbi gravemente malati, ragazzi handicappati, giovani anoressici, anziani soli, che aiutano a imparare ed a stare bene) che la Cooperativa offre dal 2010 per il benessere dell’uomo e degli animali attraverso il loro incontro, nelle scuole, nei quartieri, negli ospedali, e l’assistenza fornita per la preparazione di La cura di sé e dell’altro in via degli Assereto 19, progetto di Tempo per l’Infanzia nato in risposta al bando del Comune di Milano per realizzare in una unità immobiliare uno spazio sociale di condivisione col territorio e di servizio per la comunità.

Ancora da rimarcare è il positivo affiancamento nel piano di attività e di iniziative di comunicazione, a partire dal 2018 e con scadenza prevista per la fine del 2020, relative al  progetto Squisitamente solidale poi sfociato in Qubì – Viale Monza di Tempo per l’Infanzia, nel quadro della iniziativa promossa da Fondazione Cariplo, con il sostegno di Fondazione Vismara, Intesa Sanpaolo SpA, Fondazione Fiera Milano e in collaborazione con il Comune di Milano ,destinato a sostenere 22 iniziative di quartiere per contrastare la povertà dei bambini e dei ragazzi nella Città di Milano.

Mostra di più
Tempo per l'Infanzia
Cascina Rossago Foto
Cascina Rossago centrato

Fondazione Genitori per l'Autismo - Cascina Rossago

La Fondazione Genitori per l’Autismo Onlus è stata fondata nel 1998 da 6 famiglie con figli autistici, con lo scopo di studiare situazioni organizzative e realizzazioni in grado di proporre soluzioni realistiche alle problematiche dell’autismo in età adulta ed alla terribile prospettiva del “dopo di noi”.

Su iniziativa del prof. Barale, Socio Fondatore e Presidente della Fondazione, nel 2002 la Fondazione porta a termine la realizzazione di Cascina Rossago nell’Oltrepò Pavese, struttura con uno spiccato orientamento medico e scientifico per la cura e il sostegno ai malati gravi di autismo, considerata oggi un’eccellenza sia in Italia che in Europa, dove sono alloggiati 24 autistici adulti assistiti da 42 operatori per l’assistenza, 7 giorni per 24 ore.

La storia della collaborazione di ManagerNoProfit con i dirigenti della Fondazione, intensa e prolungata, in uno scenario di lavoro creativo e solidale (gli ospiti usufruiscono di laboratori di ceramica, di pittura e di tessitura, di un grande frutteto, di un orto e di un allevamento di alpaca che fornisce la lana per realizzare semplici borse) ha avuto al centro uno scambio di competenze, ma soprattutto una profonda sintonia umana.

Il lavoro è durato due anni ed è iniziato con il supporto sugli aspetti relativi alla fusione per Incorporazione della Cooperativa Cascina Rossago nella Fondazione Genitori per l’Autismo, con particolare attenzione alla definizione di un assetto istituzionale delle due realtà più dinamico ed efficiente, ed è proseguito con il supporto alla revisione organizzativa della Società Cooperativa Sociale Cascina Rossago, suggerendo modifiche dell’organizzazione stessa utili a migliorarne l’efficacia, in termini di competenze, funzioni e ruoli, nonché nuovi strumenti per rendere più efficienti i servizi offerti agli ospiti.

Nel corso dell’intervento sono stati esaminati anche altri aspetti della vita della Fondazione, tra cui il processo di informatizzazione, il Fundraising e la valorizzazione dei terreni di proprietà e delle attività agricole.

Mostra di più